JBS, l’attacco ransomware costa caro: pagato riscatto di 11 milioni di dollari

JBS, l’attacco ransomware costa caro: pagato riscatto di 11 milioni di dollari


I due grandi attacchi ransomware di queste ultime settimane hanno un aspetto in comune: in entrambi i casi la vittima si è trovata costretta a pagare il riscatto per poter tornare operativa. Era successo a Colonial Pipeline, che a seguito dell’hack del 7 maggio ha sborsato l’equivalente di 5 milioni di dollari – fortunatamente poi in gran parte recuperati. E ora lo stesso è accaduto per il gigante della carne JBS, preso di mira dal gruppo russo REvil, che per minimizzare i danni e tornare al 100% operativo ha preso la sofferta decisione di pagare 11 milioni di dollari. La conferma arriva dalla società stessa tramite comunicato, anche se non viene specificata la moneta utilizzata.

Queste le parole del CEO di JBS USA Andre Nogueira:

É stata una decisione molto difficile da prendere per la nostra azienda e per me personalmente. Ad ogni modo, sentivamo che questa decisione andava presa per prevenire qualsiasi rischio potenziale per i nostri clienti.

La società rassicura dicendo che al momento del pagamento “la stragrande maggioranza delle strutture dell’azienda era operativa“, e che “i risultati delle indagini preliminari confermano che non è stato compromesso nessun dato dell’azienda, dei clienti e dei dipendenti“. La dura decisione è maturata a seguito di serrate consultazioni con esperti di cybersicurezza e con il personale IT interno nel tentativo di minimizzare eventuali rischi non previsti correlati all’attacco ransomware.

Sono tuttora in corso numerose indagini, e la FBI stessa ha riconosciuto che questo attacco è stato effettuato da “uno dei gruppi cybercriminali più specializzati e sofisticati al mondo“. L’azienda ritiene di essere stata capace di limitare i danni grazie ai massicci investimenti che fa sulla sicurezza e che, a livello mondiale, superano i 200 milioni di dollari ogni anno.

Chissà se, come Colonial Pipeline, anche JBS riuscirà a recuperare parte del riscatto.



Via: HDBlog

ilportaledelnerd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *