Microsoft progetta i Surface con crash e stress test digitali con l’AI

1 month ago 67

di Alexandre Milli, 23 aprile 2024, 17:00 23 aprile 2024, 17:00

Microsoft ha svelato alcuni retroscena nella progettazione dei propri device della gamma Surface con Azure High Performance Computing.

Simulazione digitale e AI

A partire da Surface Pro 4 e Surface Laptop la linea di prodotti Microsoft viene progettata principalmente attraverso migliaia di simulazioni con prototipi digitali. Queste prevedono test come l’impatto da una caduta e livelli di stress delle cerniere, al fine di analizzare condizioni d’uso e affidabilità grazie all’utilizzo di Azure HPC e altri software.

La disponibilità di Azure HPC per le simulazioni strutturali utilizzando Abaqus ha contribuito a renderlo uno strumento di sviluppo primario per la progettazione del prodotto. I concetti di progettazione creati nei sistemi digitali di progettazione assistita da computer (CAD) vengono tradotti in dettaglio nel modello FEA. Questi sono veri e propri prototipi digitali e costituiscono tutti i principali sottosistemi del dispositivo. L’analista può utilizzare modelli FEA per imporre diverse condizioni di test e affidabilità in un ambiente virtuale e determinarne la fattibilità. In pochi giorni vengono eseguite centinaia di simulazioni per valutare varie idee e soluzioni progettuali per rendere robusto il dispositivo. Successivamente, il progetto selezionato diventa un prototipo e quindi soggetto a test rigorosi per le condizioni di utilizzo del mondo reale. Esistono molteplici cicli di feedback integrati nel nostro processo di progettazione per confrontare i test effettivi e i risultati FEA per la convalida del modello. Nella grafica raffigurata sopra, un prototipo digitale di dispositivo portatile (modello FEA) è configurato per cadere sul pavimento con il suo angolo. Questo modella i test fisici nel mondo reale condotti nei nostri laboratori di ingegneria dell’affidabilità. La velocità d’impatto per una data altezza è la condizione iniziale per la simulazione dinamica. La simulazione del rilascio dinamico viene eseguita su centinaia di core di un cluster HPC di Azure utilizzando il solutore Abaqus. Abbiamo utilizzato il solutore Abaqus ed Explicit, noto per la sua soluzione robusta e accurata per eventi dinamici, non lineari e ad alta velocità, come i test di caduta dell’elettronica di consumo e la resistenza agli urti nel settore automobilistico.

Ma non è tutto, Microsoft ha iniziato ad utilizzare i propri sistemi di apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale per ottenere simulazioni ancora più efficienti nella progettazione dei suoi device.

Il team è ora concentrato sulla distribuzione di simulazioni più scalabili e di risorse HPC di Azure per team multidisciplinari e per la modellazione multifisica. Esiste un’enorme opportunità per abilitare l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale nella creazione di prodotti. Azure HPC e le partnership all’interno delle organizzazioni Microsoft verranno sfruttati per promuovere innovazioni su larga scala a una velocità rapida. Stiamo inoltre continuando questo percorso di trasformazione digitale con l’ingegneria dei sistemi basati su modelli (MBSE) con il V4 Institute. Le organizzazioni di livello mondiale che desiderano fare di più con meno e che desiderano scalare le simulazioni digitali trarranno grandi vantaggi dalla collaborazione con Azure.  

Che ne pensate di questi retroscena? Diteci la vostra nei commenti.

Articolo di Windows Blog Italia
Fonte | Microsoft

Tag //

Read Entire Article