Samsung vittima del prossimo leak degli hacker dopo NVIDIA?

2 years ago 494

A quanto pare, il collettivo che ha recentemente attaccato NVIDIA, sarebbe ora pronto a diffondere dei dati del colosso Samsung, si parla di quasi 200 GB di dati.

Samsung

Stando a quanto recentemente riportato sulle pagine di Bleeping Computer, Lapsus, proprio il gruppo hacker che avrebbe recentemente attaccato il noto colosso NVIDIA, sarebbe accusato di un nuovo attacco ai danni di un’altra compagnia, facente parte dello stesso settore della tecnologia, seppur in maniera molto diversa. Abbiamo nello specifico a che fare con Samsung, azienda coreana che potrebbe risultare ora particolarmente a rischio, per via del fatto he si tratterebbe in questo caso di un leak di ben 190 GB di dati tutti confidenziali, numero a dir poco preoccupante.

Mentre si parla infatti fra questi di codice sorgente di alcune applicazioni proprietarie, oltre che di dati relativi ad alcuni progetti della compagnia, non è detto che nel leak non compaia anche materiale privato dei dipendenti e ulteriori informazioni pericolose da divulgare.

Al momento, ci sono ancora molti dettagli che mancano dal tutto, e non è neanche confermato al 100% che l’attacco sia davvero avvenuto e che i dati verranno leakati da parte il collettivo, con Samsung che non ha ancora avuto modo di commentare la situazione stando a Bleeping Computer, e con Wccftech che parla di come la compagnia stia cercando un modo per risolvere il problema, risultandone quindi a conoscenza, come riportato sulle pagine di PCGamer.

Abbiamo avuto a che fare nel caso di NVIDIA, come approfondito in questo articolo con una fuga di informazioni di entità maggiore, seppur si parli comunque di un’enorme mole di dati, e non ci siano al momento informazioni in merito alla rilevanza di quanto prelevato nel corso del nuovo attacco, come anche quando questo sarebbe stato portato avanti, il che potrebbe portare il materiale a risultare datato. Staremo quindi a vedere se nel corso dei prossimi giorni dei materiali verranno “sparpagliati” in rete dal collettivo, e quali saranno le misure della compagnia in merito a quanto sta avvenendo.

Read Entire Article