Motorola MA1: ufficiale il dongle per Android Auto wireless

4 months ago 51

Motorola ha presentato al CES 2022 un adattatore per collegare wireless gli smartphone alle unità di infotainment Android Auto che non lo prevedono: si chiama MA1 e arriverà, almeno negli USA, a fine gennaio, a un prezzo di listino di 90 dollari. Si collega tramite una porta USB, e usa sia il Bluetooth (per il pairing con lo smartphone) sia il Wi-Fi a 5 GHz (per il trasferimento dei dati).

Sul mercato sono ancora pochi i sistemi di infotainment che supportano Android Auto wireless, quindi questo dongle può essere una soluzione relativamente economica per dotarsene. La modalità wireless ha i suoi svantaggi - consuma di più e in aggiunta non ricarica lo smartphone nel frattempo - ma si può argomentare che per un casa-lavoro non troppo lungo, qualche commissione rapida in città e più in generale tutti i tragitti brevi sono più che controbilanciati dalla comodità di non dover estrarre lo smartphone dalla tasca e collegarlo al cavo.


Il dongle assomiglia ai Chromecast più recenti, e include un po' di adesivo sul retro per fissarlo in una posizione comoda nell'abitacolo. È interessante osservare che non è prodotto direttamente da Motorola, ma dalla cinese SGW Global, che ha siglato accordi per sfruttare il marchio in licenza.

Le specifiche ufficiali dicono che il dongle è compatibile con qualsiasi smartphone con a bordo Android 11 o più recenti; naturalmente l'infotainment deve supportare Android Auto, e lo smartphone deve avere un piano dati cellulare attivo. Motorola MA1 è quasi l'unico prodotto di questo tipo, e ha di conseguenza un buon potenziale per avere successo. Nell'estate del 2020 un dongle analogo, AAWireless, era arrivato su Indiegogo, con oltre 4 milioni di euro raccolti. Al momento ben 16.000 unità sono state spedite, e molte altre arriveranno a marzo. Questo dongle è anche più economico di quello di Motorola, a 75€. Le prossime spedizioni avverranno a marzo, per chi è interessato. Trovate tutti i dettagli sulla pagina Indiegogo ufficiale nel link in FONTE.


Read Entire Article