Play Store, ecco come Google sta evolvendo la ricerca di app e giochi

1 month ago 66

Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Google sta riprogettando la ricerca sul Play Store. Dalla qualche settimana qualche cambiamento, qualcuno, ha iniziato a vederlo, con un allargamento a cinque delle icone in basso grazie all'introduzione del tab Ricerca tra App e Offerte. Adesso che il ritmo del rollout è stato incrementato, chi nel Play Store vede il tasto virtuale Ricerca, premendolo inizierà a vedere quella sorta di pop up che i colleghi di 9to5google.com hanno sorpreso e immortalato con uno screenshot proprio in queste ore:

Familiarizza con il tab Ricerca
Scopri applicazioni e giochi incredibili con i nuovi suggerimenti personalizzati - si legge.


Aperta la scheda Ricerca, toccando una seconda volta sull'icona della lente di ingrandimento l'azione si sposta sulla casella per l'inserimento del testo, così da non dover andare troppo in alto col dito prima di iniziare a digitare le chiavi di ricerca. Nella zona superiore della schermata che appare nelle sezioni Giochi, App e Offerte c'è il classico logo Play Store sulla sinistra mentre il contatore punti, icona di notifica e foto profilo account sono sulla destra.

"I nuovi suggerimenti personalizzati" di cui sopra si materializzano nelle quattro aree in cui è divisa la sezione Ricerca:

  • Scopri (se Google non lascerà l'inglese Discover)
  • Potrebbero piacerti
  • Esplora giochi
  • Esplora app

e l'aspetto interessante è che nelle ultime tre sezioni vengono proposte delle chiavi di ricerca o delle categorie, non direttamente le app o i giochi scelte da Google e dai suoi algoritmi.


Inoltre, novità delle ultime ore, una volta fatta effettivamente partire la ricerca, la barra inferiore rimane lì, è persistente. I colleghi scrivono che la nuova sezione Ricerca, con tasto e organizzazione, è "ampiamente disponibile" per gli utenti Android all'interno del Play Store. Noi non la vediamo ancora, ma immaginiamo sia questione di ore.


Read Entire Article