Prime Video, niente più Dolby Vision e Atmos per gli abbonati al piano base: si dovrà pagare un sovrapprezzo

2 weeks ago 48

Prime Video continua a essere nel tempo uno dei servizi di streaming più vantaggiosi fra quelli disponibili in Italia. Il motivo è semplice: vanta una buona libreria che si evolve su base mensile inclusa nell'abbonamento a Prime. E il bello è che Prime include un sacco di roba, non solo le spedizioni e appunto l'accesso al catalogo del servizio.

Le cose però stanno un po' per cambiare. A breve il piano base di Prime Video includerà annunci pubblicitari. Il prezzo dell'abbonamento a Prime rimane, almeno per ora, bloccato: si pagherà sempre 49,90€ l'anno, ma se non si vogliono pubblicità durante la visione dei contenuti in streaming si dovrà pagare un sovrapprezzo di 2,99$ al mese. Il prezzo è in dollari perché al momento questa cosa in Italia non è ancora attiva, ma sospettiamo che il tasso di conversione sarà 1 a 1. Considerato il prezzo annuo, l'eventuale spesa aggiuntiva per rimuovere gli annunci pubblicitari porterebbe il costo dell'abbonamento a 7,14€ al mese, un prezzo ancora concorrenziale rispetto agli altri servizi.

Persino Apple TV+, che era uno dei più vantaggiosi, è salito a 9,99€ al mese.

Amazon però starebbe per rincarare la dose, rendendo quello che a tutti gli effetti possiamo chiamare Piano Base ancora meno goloso. A breve infatti il colosso dell'ecommerce rimuoverà Dolby Vision e Dolby Atmos da Prime Video. O meglio, per vedere i contenuti in questo formato sarà necessario spendere i soliti 2,99$ al mese in più. In sostanza questa spesa aggiuntiva servirà non solo a rimuovere la pubblicità, ma anche a garantire la possibilità di godersi i contenuti compatibili con il supporto di Dolby Vision e Dolby Atmos. Il perché è presto spiegato: rispetto ad altri standard, quelli firmati Dolby hanno dei costi di licenza che Amazon non intende più offrire "gratuitamente" ai suoi utenti.

Ora, con tutto il rispetto per Prime Video, visto il suo costo che quasi potremmo definire irrisorio, l'assenza di Dolby Vision e Dolby Atmos è davvero l'ultimo dei suoi problemi.

Il vero "dramma", se ci passate il termine un pelo esagerato, è diventato trovare qualcosa da guardare nella home del servizio. Tralasciando i due caroselli iniziali, la home è un trionfo di film a noleggio o da acquistare, canali aggiuntivi a pagamento, prove gratuite che poi sfociano in nuovi abbonamenti mensili e simili. Recarsi nelle sottosezioni Film o Serie TV non aiuta: anche lì sono continuamente proposti contenuti a pagamento. E badate bene, non siamo i soli a lamentarcene. Anche all'estero è pieno di thread di lamentele su Reddit e simili. Se i 2,99$ servissero non solo a rimuovere la pubblicità, ma anche a migliorare la situazione della home, l'abbonamento Premium assumerebbe sempre più senso. Certo è che abituare gli utenti a una cosa e poi togliergliela chiedendo soldi in più non è il massimo, ma se lo hanno già fatto Netflix e Disney+ perché Amazon dovrebbe essere da meno?

Read Entire Article