Fallout 4 sbarca su Android: con Winlator gira a 30 frame al secondo

1 week ago 61

Da poche settimane su Amazon Prime Video è finalmente disponibile Fallout, la serie TV basata sull'omonima serie di Bethesda Softworks che ha generato un successo clamoroso tra gli utenti di tutto il mondo, riportando un notevole interesse per il franchise. Ora, inoltre, gli utenti Android hanno perfino la possibilità di giocare Fallout 4 su smartphone. Tutto questo è reso possibile dall'app Winlator, disponibile su sistema operativo Android, che consente di emulare Windows sul proprio smartphone.

L'app Winlator segna un traguardo che non ha precedenti sul sistema operativo Android, dal momento che non esistono ad oggi alternative altrettanto soddisfacenti in termini di prestazioni, consentendo di portare tranquillamente su smartphone e tablet gran parte dei videogiochi per PC riprodotti in emulazione senza necessariamente ricorrere allo streaming.

Un nuovo video recentemente pubblicato dallo youtuber ETA Prime fornisce una guida molto dettagliata per avviare la versione PC di Fallout 4 sul proprio dispositivo con sistema operativo Android. Come si evince dal video stesso le prestazioni sono a dir poco incredibili, raggiungendo i 30 frame al secondo alla risoluzione 720p, a patto di impostare dettagli bassi.

Una delle funzionalità maggiormente apprezzate di Winlator consiste nel supporto ai controller esterni e tastiere, consentendo di personalizzare completamente i comandi di gioco. Vi è inoltre la possibilità di trasferire i salvataggi direttamente da un PC esterno, nel caso in cui si abbia a disposizione una partita già arrivata.

Il rovescio della medaglia in questo caso è rappresentato dall'incompatibilità con i videogiochi per PC che presentano il DRM per la verifica della proprietà, impedendo così di accedere ad una fetta significativa della libreria di Steam. Di contro, gli utenti hanno la possibilità di installare videogiochi da GOG, che al contrario della piattaforma di Valve non richiede nessun launcher per l'avvio.


Read Entire Article